Il misterioso nastro al margine del Sistema Solare

Posted on gennaio 18, 2010

0



Gli scienziati hanno scoperto un misterioso nastro al margine del Sistema che si è rivelato essere un riflesso di particelle del Sole.

Il nastro – una lunga fascia di alte emissioni di particelle di energia – era stato notato per la prima volta l’anno scorso dal veicolo spaziale IBEX della NASA (Interstellar Boundary Explorer), che studia il confine tra il nostro Sistema Solare e il resto della galassia. Gli scienziati rimasero disorientati  definendo la scoperta un risultato “scioccante”.
Ma ora i ricercatori pensano di aver capito l’origine della bizzarra struttura.
“Riteniamo che il nastro possa essere un riflesso”, ha dichiarato Jacob Heerikhuisen, un investigatore della NASA presso la University of Alabama in Huntsville. “Esso e’ posto dove le particelle del vento solare giungono nello spazio interstellare e si riflettono indietro nel Sistema Solare da un campo magnetico galattico.”
Il Sole emette un flusso di particelle cariche chiamato “vento solare”. Queste particelle apparentemente in viaggio fino al bordo del Sistema Solare, incontrano un forte campo magnetico proveniente dal resto della galassia, e fionda di nuovo nella direzione di provenienza. “Questa è una scoperta importante”, ha detto Arik Posner, scienziato del programma IBEX presso il quartier generale della Nasa a Washington, DC.
“Lo spazio interstellare appena oltre il limite del Sistema Solare è in gran parte inesplorato. Ora sappiamo, che ci potrebbe essere un forte e ben organizzato campo magnetico appena fuori dalle nostre porte “.
IBEX è un veicolo spaziale in orbita terrestre, lanciato nell’ottobre 2008 per monitorare gli atomi neutri in arrivo, che hanno origine a miliardi di chilometri di distanza, al confine tra il Sistema Solare e la distesa dello spazio interstellare. Il nastro individuato da IBEX è vasto e si estende quasi tutto lungo il percorso attraverso il cielo, suggerendo che il campo magnetico dietro di esso deve essere ugualmente enorme. La struttura non emette luce, ma manda invece particelle energetiche neutre che IBEX quindi cattura.

“Se questo meccanismo è corretto – e non tutti sono d’accordo – la forma del nastro ci dice molto circa l’orientamento del campo magnetico nel nostro angolo della galassia, la Via Lattea”, ha detto Heerikhuisen.
Il Sistema Solare sta attraversando una regione della Via Lattea piena di raggi cosmici e nubi interstellari. Il campo magnetico del nostro Sole, gonfiato dal vento solare in una bolla chiamata eliosfera, sostanzialmente ci protegge da queste cose. Tuttavia, la bolla è vulnerabile a campi esterni. Un forte campo magnetico, appena fuori del Sistema Solare potrebbe premere contro l’eliosfera e interagire con essa in modi sconosciuti. “IBEX seguirà il nastro da vicino nei prossimi mesi e anni a venire”, ha detto Psner. “Abbiamo potuto vedere la forma del cambiamento nastro – e che ci mostra come interagisce con la galassia”.

I ricercatori hanno segnalato i loro risultati nel numero 10 gennaio di Astrophysical Journal Letters.

Traduzione a cura di Arthur McPaul

Link:
http://www.space.com/scienceastronomy/solar-system-ribbon-100118.html

Annunci
Posted in: Uncategorized