Nettuno potrebbe aver inghiottito una super Terra

Posted on marzo 23, 2010

0



 
Nettuno, potrebbe aver inghiottito una super Terra che un tempo si aggirava nel Sistema Solare esterno e a cui ha poi rubato la sua luna Tritone. Questo inquietante scenario potrebbe spiegare il calore radiante del misterioso pianeta ghiacciato e la strana orbita di Tritone. 
L’esistenza di Nettuno è stato un enigma fino a poco tempo fa. La nube polverosa che ha dato vita ai pianeti, probabilmente si diradò ulteriormente a grosse distanze dal Sole. Con pochi materiali agglomerativi, è assai difficile capire come si siano formati Urano e Nettuno, i due pianeti più esterni, e come abbiano fatto ad avere cosi grandi dimensioni. Ma se si fossero formati più vicino? 
Nel 2005, un team di scienziati ha proposto che i pianeti giganti avrebbero mutato orbita dopo uno sconvolgimento iniziale (New Scientist, 25 novembre 2006, p 40). In questo scenario, Urano e Nettuno si sarebbero  formati molto più vicino al Sole e poi sarebbero migrati verso l’esterno. Ciò avrebbe lasciato abbastanza materiale appena oltre la loro area di accrescimento per formare un pianeta del tipo terrestre con una massa almeno il doppio della Terra, secondo i calcoli pubblicati nel 2008 da Steven Desch dell’Arizona State University di Tempe. 
La luna di Nettuno, Tritone, potrebbe essere associata a questa ipotetica super-Terra, ci dicono Desch e il collega Simon Porter. Tritone è più grande di Plutone e si muove attraverso la sua orbita in senso inverso alla rotazione di Nettuno, suggerendo che potrebbe essere stato catturato. Per catturare Tritone, Nettuno avrebbe dovuto rallentare drasticamente la sua marcia. Per farlo è possibile soltanto se un altro oggetto abbia potuto portar via la maggior parte dell’energia cinetica della coppia, dopo un incontro con Nettuno. Nel 2006 i ricercatori hanno sostenuto che Tritone era inizialmente accoppiato con un altro oggetto di dimensioni simili che si snodava per essere gravitazionalmente legato nello spazio nei pressi di Nettuno (New Scientist, 13 maggio 2006, p 8). 
Tritone, potrebbe aver rallentato ancora più il suo moto se il suo ex compagno fosse stato una pesante super-Terra. Questo sarebbe avvenuto in quanto un corpo più massiccio avrebbe potuto portar via più di energia cinetica, secondo i calcoli di Desch in uno studio presentato all’inizio di questo mese al Lunar and Planetary Science Conference di Houston, in Texas. Sarebbe molto più facile catturare Tritone se ci fosse stato un oggetto più grande, dicono i due scienziati. Nettuno potrebbe aver addirittura inghiottito la super-Terra. Il calore residuo dell’impatto potrebbe spiegare il perché dell’irradiazione di calore molto più ampia rispetto al suo cugino Urano, che è simile per massa e composizione, ci dice Desch. 
Douglas Hamilton della University of Maryland, College Park, uno degli autori dello studio del 2006, sottolinea che gli organismi più piccoli eliminati dalla loro orbita, sarebbero stati comuni nel Sistema Solare prima della migrazione dei pianeti. Egli ci dice che Nettuno avrebbe quindi avuto molti incontri con un pianeta gemello di Tritone, piuttosto che con uno molto più raro e grande come una super-Terra, rendendo la spiegazione ancora più probabile. Tuttavia non se la sente di escludere l’ipotesi di Desch: “Vale la pena indagare per vedere cosa ne esce fuori”.
a cura di Arthur McPaul
Annunci