Ripresi fulmini su Saturno

Posted on aprile 19, 2010

0



Dopo aver atteso per anni l’occasione giusta,  la sonda Cassini ha rilevato lampi di luce di Saturno, permettendo agli scienziati di creare anche un filmato, con tanto di colonna sonora che caratterizza il crepitio delle onde radio emesse quando fulmini sono stati emessi.
“Questa è la prima volta vengono associati i lampi alle onde radio emesse”, ha detto Georg Fischer,  presso l’Istituto di Ricerca Spaziale a Graz, in Austria. “Questo ci garnatisce che stiamo assistendo ad una tempesta molto potente.”
“Il film e dati suggeriscono tempeste radio estremamente potenti associate ai fulmini  che lampeggiano con questa luminosità” secondo Andrew Ingersoll, un membro del Cassini imaging  del California Institute of Technology di Pasadena. “La cosa interessante è che le tempeste sono potenti, o ancora più potenti, su Saturno come sulla Terra”, ha detto Ingersoll. “Ma si verificano molto meno frequentemente, di solito una sola volta sul pianeta in qualsiasi momento, anche se possono durare per mesi.”Le prime immagini del fulmine sono state catturate nel mese di agosto del 2009, durante una tempesta durata  dal gennaio all’ottobre del 2009, che è stata anche la più lunga  tempesta di fulmini mai osservata nel Sistema Solare. I risultati sono descritti in un articolo sulla rivista Geophysical Research Letters.
Per fare un video, gli scienziati hanno bisogno di più immagini brillanti con fulmini e forti segnali radio. I dati sono stati raccolti durante un temporale più breve successivo, avvenuto tra novembre e metà dicembre del 2009. I fotogrammi del video hanno una durata di oltre 16 minuti dal 30 novembre 2009. Il flash è durato meno di un secondo. Le immagini mostrano una nube di 3.000 km (1.900 miglia) e le regioni  illuminate dai fulmini sono ampie circa 300 km (190 miglia) di diametro. Gli scienziati hanno utilizzano il flash per misurare la profondità del fulmine sotto le nuvole. Quando un fulmine colpisce sia la Terra che Saturno, emette onde radio a una frequenza che può causare rumore statico su una radio AM. I suoni nel video sono basati sulla scarica elettrostatica dei segnali di Saturno rilevati dai ricevitori radio di Cassini.
Cassini, è stata lanciata nel 1997, ma la missione Voyager lanciata nel 1977, aveva già catturato emissioni radio dalle tempeste su Saturno. Una cintura attorno al pianeta in cui Cassini ha rilevato le emissioni radio e luminose,è stata soprannominata “storm alley”. Le telecamere di Cassini, però, non avevano potuto ottenere immagini dei lampeggiamenti di tali fulmini.
Dal momento che Cassini giunse in orbita su Saturno nel 2004, è stato difficile vedere i lampi perché il pianeta era molto luminoso e riflettente. La luce del Sole splendeva troppo su Saturno e si è dovuto attendere l’equinozio per scrutare la superficie al buio. Durante l’ equinozio, il Sole illumina soltanto il bordo degli anelli ha lasciato la maggior parte del pianeta in ombra.
 
“Le immagini in luce visibile ci dicono molto sui  fulmine”, ha detto Ulyana Dyudina, un socio di Cassini imaging team con sede a Caltech, che fu il primo a vedere i lampi. “Ora possiamo cominciare a misurare quanto potenti sono  queste tempeste, dove si formano nello strato di nubi e in che modo l’intensità ottica si riferisce al totale di energia dei temporali.”

A cura di Arthur McPaul

VIDEO NASA DEI FULMINI SU SATURNO

Fonte: Science Daily

Annunci
Posted in: Uncategorized