Nuove prove a favore del passato umido di Marte

Posted on giugno 25, 2010

0



Nuove prove indicano la presenza di rocce formatesi in presenza di acqua, sul Pianeta Rosso

La scoperta di minerali nei crateri del nord di Marte suggerisce che una fase precoce della storia di Marte potrebbe aver ospitato condizioni favorevoli alla vita a livello globale.
[Foto in alto: Il Lyot Crater, nella foto, è uno degli almeno nove crateri nelle pianure settentrionali di Marte, con esposizioni di minerali idratati rilevati dagli orbiter NASA/ESA (Credit: NASA / ESA / JPL-Caltech / JHU-APL / IAS)]

L’emisfero settentrionale e meridionale di Marte differiscono di molto, tenendo aperto da decenni un dibattito tra i planetologi sulle cause di questa diversità.

Negli ultimi anni, il Mars Orbiter Express dell’ESA e il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA hanno trovato minerali argillosi che rappresentano le tracce di un ambiente umido in migliaia di siti negli altopiani meridionali di Marte, dove le rocce della superficie hanno un’età di circa quattro miliardi di anni. Fino a questa settimana, nessun sito con tali minerali era stato segnalato nelle pianure del nord, dove l’attività vulcanica ha sepolto profondamente la vecchia superficie, nascondendo ogni prova.

Ricercatori francesi e americani hanno pubblicato un articolo sulla rivista Science in cui vengono mostratie le analisi delle rocce sovrastanti a grandi crateri nelle pianure del nord, che mostrano indizi minerali simili alle antiche condizioni, in cui era presente l’acqua.

“Ora possiamo dire che il pianeta ha subito una variazione a livello globale da acqua liquida circa quattro miliardi di anni fa”, ha detto John Carter dell’Università di Parigi, principale autore del report.
Altri tipi di prove circa di acqua liquida in epoche più tardi su Marte tendono a puntare a più breve durata delle condizioni di umidità o di acqua che è stata più acidi o salati.
 
I ricercatori hanno usato il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM), uno strumento sul Mars Reconnaissance Orbiter, per controllare 91 crateri nelle pianure del nord. In almeno nove, hanno trovato argille e minerali di argilla, detti fillosilicati, o altri silicati idrati che si formano in ambienti umidi in superficie o nel sottosuolo.
Le analisi svolte in precedenza con lo spettrometro OMEGA sul Mars Express avevano rilevato dei fillosilicati in alcuni crateri delle pianure del nord, ma i depositi sono piccoli e il CRISM può fare osservazioni più dettagliate sulle piccole aree rispetto a OMEGA.

“Avevamo bisogno di una migliore risoluzione spaziale per confermare le identificazioni”, ha detto Carter. “I due strumenti hanno diversi punti di forza, per cui vi è un grande vantaggio utilizzandoli entrambi”.

Scott Murchie della Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory, co-autore del nuovo rapporto, ha detto che l’interpretazione dei risultati indicherebbe che gli ambienti umidi su Marte sono esistiti in lunghi periodi nella storia antica del pianeta.
La teoria prevalente per la modellazione della parte settentrionale del pianeta, ipotizza un impatto da parte di un gigantesco oggetto nel nord di Marte, trasformando quasi la metà della superficie del pianeta nel cratere da impatto più grande del Sistema Solare.

I nuovi risultati suggeriscono anche che la formazione di minerali legati all’acqua e il conseguente periodo umido, potrebbe essere stato favorevole alla vita.

“Questo forte impatto avrebbe eliminato qualsiasi prova antecedente nella superficie nel nord”, ha detto Murchie. “Deve essere accaduto ben prima della fine del periodo umido”.
Gli altri due autori sono Francois Poulet e Jean-Pierre Bibring, entrambi dell’Università di Parigi.


A cura di Arthur McPaul

Fonte: http://www.sciencedaily.com/releases/2010/06/100624141343.htm

Annunci