La calda atmosfera di Venere potrebbe aver raffreddato l’interno

Posted on settembre 21, 2010

1



</div

Il calore nell’atmosfera di Venere, indotto dal riscaldamento di un forte effetto serra, potrebbe effettivamente avere un effetto di raffreddamento sul pianeta interno. Questa teoria contro-intuitiva si basa sui calcoli di un nuovo modello presentato alla Planetary Science Congress europeo (EPSC) di Roma.

“Per alcuni decenni, abbiamo saputo che la grande quantità di gas a effetto serra nell’atmosfera di Venere, hanno causato il caldo estremo che osserviamo attualmente” ha spiegato Lena Noack dal Centro aerospaziale tedesco (DLR) di Berlino, autore principale dello studio.

“L’anidride carbonica e gli altri gas serra che sono responsabili delle alte temperature, sono state fatte balzare nell’atmosfera da migliaia di vulcani in passato. Il calore permanente, che oggi si misura in quasi 470 gradi centigradi a livello globale, avrebbe potuto essere ancora più alto nel passato e in un ciclo galoppante, ha potuto portare ad un vulcanismo ancora di più forte. Ma a un certo punto questo processo si è capovolto, le alte temperature hanno causato una parziale attivazione della crosta venusiana, che ha portato ad un raffreddamento efficiente del mantello e ad una diminuzione del vulcanismo.
Ciò ha provocato che le temperature di superficie inferiori erano piuttosto paragonabili alle temperature odierne, fermando la mobilitazione della superficie del poaneta”
.

La fonte magmatica del metallo fuso e del materiale roccioso e il gas vulcanico si trovano in profondità nel manto di Venere. Il decadimento degli elementi radioattivi, ereditato dalla costruzione dei pianeti primordiali del Sistema Solare e il calore immagazzinato nei loro nuclei, ha prodotto abbastanza calore per generare silicati, ferro e magma ricchi di magnesio nel mantello superiore, così come anche su Venere.
La roccia fusa ha più volume ed è più leggera della roccia circostante solida di identica composizione. Il magma può quindi salire verso l’alto e infine penetrare attraverso la crosta rigida dalle bocche vulcaniche, diffondendo lava sulla superficie e soffiando gas nell’atmosfera, per lo più gas ad effetto serra come l’anidride carbonica (CO2), il vapore acqueo (H2O) e il biossido di zolfo (SO2) .

Tuttavia, il gas serra più, la parte più calda dell’atmosfera, è ancor più abbinata al vulcanesimo e per scoprire se questo processo di fuga avrebbe reso rovente Venere, Lena Noack e Doris Breuer, co-autore dello studio, hanno calcolato per la prima volta un modello in cui l’atmosfera calda è stata ‘abbinata’ a un modello 3D del pianeta interno.
A differenza della Terra, le alte temperature hanno un effetto molto più grande a livello di interfaccia con la superficie rocciosa, riscaldandolo in larga misura.

“È interessante notare che, a causa della temperatura di superficie in aumento, la superficie è mobilitata e l’effetto isolante della crosta diminuisce”, dice Noack.

“Il manto di Venere perde molta della sua energia termica verso l’esterno. E ‘un pò come sollevare il coperchio sul manto: l’interno di Venere si raffredda improvvisamente e il tasso di vulcanesimo cessa. Il nostro modello mostra che, dopo l’epoca calda di vulcanesimo, il rallentamento di quest’ultimo ha portato ad un drastico calo delle temperature nell’atmosfera”

I calcoli geofisici mostrano un altro interessante risultato: il processo di resurfacing vulcanico si svolge in luoghi diversi in momenti diversi. Quando l’atmosfera si raffredda, la mobilitazione delle fermate di superficie. Tuttavia, ci sono ancora alcuni vulcani attivi, che riproporranno alcuni punti con flussi di lava. Alcuni vulcani potrebbero essere attivi anche oggi, secondo i recenti risultati ottenuti dalla missione dell’Agenzia Spaziale Europea Venus Express, che ha rilevato dei “punti caldi” con inusuali temperature superficiali elevate e vulcani che precedentemente si pensava fossero estiti.

Finora non esiste la prova certa di un vulcano attivo su Venere, ma sembra non improbabile che Venus Express o le future sonde spaziali ne possano rilevare uno sul pianeta più vicino alla Terra.

A cura di Arthur McPaul
Link:
“http://www.sciencedaily.com/releases/2010/09/100920184226.htm”
<a

Annunci
One Response “La calda atmosfera di Venere potrebbe aver raffreddato l’interno” →
  1. ehi,guarda che di prove di vulcani attivi su Venere ci sono,anche se non credo che il nucleo sia più freddo ma credo che il calore lo prenda più dall'interno che dall'esterno il pianeta per avere una superficie così relativamente giovane e fragile.Alex

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...