Nubi molecolari: scoperto il "coreshine"

Posted on settembre 29, 2010

1



</div

La scienza brancola letteralmente nel buio quando si tratta di studiare la nascita delle stelle, che si verifica dentro le nubi di gas e polveri.

Queste nubi sono completamente opache alla luce ordinaria, ma ora, un gruppo di astronomi, ha scoperto un nuovo fenomeno astronomico che sembra essere comune a tali nubi, e promette di aprire una nuova finestra sulle primissime fasi di formazione stellare.
Il fenomeno della luce infrarossa che viene dispersa dai chicchi inaspettatamente elevati di polvere, che gli astronomi hanno definito “coreshine”, sono nuclei densi, dove nascono le stelle.

Le stelle sono formate come le dense regioni del nucleo delle nubi cosmiche, da gas e polveri (“nubi molecolari”) per il crollo della loro stessa gravità.
Come risultato, la materia in queste regioni si fa sempre più densa e più calda, finché si innesca la fusione nucleare e nasce una nuova stella, così come è accaduto anche per il Sole.
I grani di polvere contenuti nelle nubi rappresentano il collasso delle materie prime in esse contenute.
Cosa succede durante le primissime fasi di questo collasso è in gran parte sconosciuta.

Un team internazionale di astronomi guidati da Laurent Pagani (Lerma, Observatoire de Paris) e Jürgen Steinacker (Max Planck Institute for Astronomy, Heidelberg, Germania), hanno scoperto un nuovo fenomeno che promette di fornire informazioni sulla prima fase cruciale della formazione della stelle e dei pianeti: il “coreshine,” cioè la diffusione della luce del medio infrarosso (che è onnipresente nella nostra galassia) con grani di polvere all’interno di tali nubi dense.

La luce diffusa trasporta informazioni sulle dimensioni e la densità delle particelle di polvere e l’età della regione di base, la distribuzione spaziale del gas, la preistoria del materiale che finirà nei propianeti e sui processi chimici all’interno del la nube.

La scoperta si basa sulle osservazioni del NASA Spitzer Space Telescope. Come pubblicato a febbraio da Steinacker, Pagani e i colleghi di Grenoble e di Pasadena, è stato rilevato un’inaspettata radiazioe nel medio infrarosso dalla nube molecolare L 183 nella costellazione della Coda del Serpente (“testa del serpente”), ad una distanza di 360 anni luce.
La radiazione sembrava provenire dal nucleo denso della nube. Confrontando le loro misurazioni con delle simulazioni dettagliate, gli astronomi sono stati in grado di dimostrare che avevano a che fare con la luce riflessa dalle particelle di polvere con diametro di circa 1 micrometro (un milionesimo di metro). In seguito a questa scoperta, i ricercatori hanno esaminato 110 nubi molecolari a distanze tra i 300 ei 1300 anni luce, che erano state osservata con lo Spitzer, nel corso di programmi di indagini diverse.

L’analisi ha mostrato che la radiazione di L 183 era più di un colpo di fortuna e che il “coreshine” è un fenomeno astronomico molto diffuso: circa la metà dei nuclei di nubi esposti presentavano il coreshine, nelle radiazioni del medio infrarosso associate con la diffusione da grani di polvere nelle loro regioni più dense.

La scoperta del coreshine suggerisce una serie di progetti per il telescopio spaziale Spitzer, nonché per il James Webb Space Telescope, che dovrebbe essere lanciato nel 2014.
Le prime osservazioni del coreshine hanno dato risultati promettenti: la presenza inaspettata di granelli di polvere più grandi (diametro di circa un milionesimo di metro) mostra che questi grani iniziano la loro crescita, anche prima dell’inizio del collasso delle nubi. Un’osservazione di particolare interesse riguarda le nubi nella costellazione meridionale della Vela, in cui non è presente il coreshine.

E’ noto che questa regione è stata disturbata da numerose esplosioni stellari (supernovae). Steinacker e i suoi colleghi hanno ipotizzato che queste esplosioni hanno distrutto i granelli di polvere più grandi che erano presenti in questa regione nelle nubi molecolari .

La ricerca è stata pubblicata in 24 Settembre 2010 su Science.

Traduzione a cura di Arthur McPaul

Link
“http://www.sciencedaily.com /releases/2010/09/100924084609.htm”
<a

Annunci
One Response “Nubi molecolari: scoperto il "coreshine"” →
  1. D.N.F.E. CODICE IDENTIFICAZIONE PERSONALE NR. 333 SALVATEMI LA VITA IL TEMPO ELASTICO.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...